L’evoluzione del sesso in televisione
Il cambiamento è sotto gli occhi di tutti e decisamente evidente. Nel corso degli anni la televisione, e in particolare le serie americane, hanno infranto i tabù del sesso in un modo più esplicito rispetto al grande schermo.
Condividi questo articolo:

Se il cinema paga il fatto che deve inevitabilmente rapportarsi con diverse culture e ha la necessità di piacere a tutti, la tv on demand gode in questo senso di un canale diretto con la persona. Che sia funzionale alla storia o che diventi un pretesto per far parlare della serie, il sesso è diventato uno cardine della narrazione. Vediamo insieme, con qualche esempio, com’è andata! (E scusateci per le omissioni perché ormai gli episodi sono tantissimi).

Il canale HBO è il stato il vero pioniere. A tal punto da essere protagonista della frase “It’s not porno, it’s HBO”.  I suoi due titoli più famosi sono Sex and the City, I Soprano e Il Trono Di Spade, dove le nudità e la sessualità sono uno degli elementi distintivi. L‘avvento di Netflix e della Tv in streaming ha sdoganato scene esplicite che nella TV generalista non sarebbero state possibili e il sesso e l’autoerotismo sono entrati nella narrazione senza (quasi) più filtri.

È importante dire che lo sdoganamento del sesso in TV non è servito solamente per aumentare gli ascolti (e relativi incassi) delle case di produzione, ma hanno affrontato mondi praticamente inesplorati come la sessualità omosessuale o quella dei rapporti intimi fra detenuti.

I SIMPSON, I GRIFFIN, SOUTH PARK E LA LIBERTA CONCESSA AI CARTOON

Qualche decade fa, parlare esplicitamente di sesso era appannaggio delle serie animate.  Loro hanno affrontato argomenti sempre con una grande ironia e mettendo anche in scena situazioni davvero forti. Impossibili da dimenticare le lezioni di sesso che il sig. Garrison tiene all’asilo. Da come si infila un preservativo alle posizioni dell’amore

SESSO IN PRIGIONE

E sempre la HBO sceglie di affrontare l’argomento attraverso la serie OZ  con, per la prima volta, puntate di un’ora l’una. Si affronta in maniera esplicita sesso e violenza, spesso indissolubilmente legati parlando di detenuti di un carcere di massima sicurezza in cui hanno inserito faide giornaliere.  Andò in onda nel 1997 e per questo fu una serie di rottura. Dimostrò che la televisione poteva essere molto di più che soap opera e drammi adolescenziali. Dopo sedici anni arriva Orange is The New Black che ha messo inscena i rapporti fra detenute. Spesso anche intimi. E per alzare l’asticella ha inserito una delle prime trans in tv (Sophie Burset interpretata da Laverne Cox).

SEX AND THE CITY E L’EREDE GIRL

Credo che, anche solo qualche puntata qua e là, tutte lo abbiamo visto! Dal punto di vista femminile, ha davvero fatto parte di questa rivoluzione. Le donne trentenni di Sex and The City, serie creata dall’omonimo romanzo di Candace Bushnell, sono protagoniste della loro sessualità che, per la prima volta in una serie tv, praticano e sperimentano in totale libertà, forti della loro indipendenza economica e della loro libertà sociale. Vi ricordate quando le amiche convincono la pudica Charlotte ad usare un sex toy?  E’ stata proprio quella scena che ha portato alla ribalta il sempre eterno Rabbit! 

sex and the city rabbit L'evoluzione del sesso in televisione

Quindi anni dopo esce Girls. Quattro ventenni a New York e la loro vita raccontata (anche sessuale). Insomma, sembra l’erede perfetto.

SESSO GAY E LA SERIE QUEER AS FOLK

Se il sesso in televisione era un tabù, quello omosessuale lo è stato ancora di più. La serie Queer as Folk affronta diversi temi come il coming out, il matrimonio tra persone dello stesso sesso, l’adozione da parte di coppie dello stesso sesso, l’inseminazione artificiale, le aggressioni contro i gay, il sesso e moltissimi altri. In Italia la messa in onda è stata più volte sabotata. Inizialmente (2002) le prime tre stagioni fu possibile vederle solo su Gay.tv e in lingua originale. Solo in un secondo momento fu acquistata da Sky e nel 2019 anche da Mediaset (ma solo in orario notturno…).

MASTER OF SEX: LA COPPIA CHE HA INSEGNATO IL SESSO ALL’AMERICA

Non potevamo non parlare di questa serie che è la biografia di una coppia di ricercatori, il ginecologo William Masters e la sua assistente Virgina Johnson, che negli anni ’60 ha compiuto uno studio sul campo della fisiologia umana durante l’atto sessuale, analizzando le abitudini sessuali degli americani, contribuendo così alla rivoluzione sessuale che sarebbe avvenuta di lì a poco alla fine del decennio. 

Il nuovo ruolo di educatore sessuale delle serie TV oggi è rivestito da Otis Milburn, protagonista di Sex Education, che si improvvisa sessuologo (come la madre) e dispensa consigli sessuali a tutti i compagni di scuola che non sembrano avere le idee chiare in materia di sesso. Un illuminante spaccato su sesso e adolescenza!

GRACE AND FRANKIE, DUE COME NOI!

grace frankie vibratore L'evoluzione del sesso in televisione

La sessualità raccontata a 360 gradi!

Racconta la storia di due donne riunite quando i loro mariti annunciano di essere gay e innamorati l’uno dell’altro. I due personaggi principali non potrebbero essere più diverse. Grace Hanson è la raffinata, rigida e un po’ snob fondatrice di una compagnia di cosmetici, mentre Frankie Bergstein è un’artista creativa, espansiva e “fricchettona”, ma scelgono di vivere insieme e superare le loro difficoltà. È bello, perché non comune, vedere una serie in cui si tratti liberamente della sessualità degli ottantenni, o in cui si affrontino i problemi legati a persone che invecchiano ma che vogliono ancora innamorarsi, bere, uscire, essere indipendenti e fare sesso. Forti della loro rinascita, Grace e Frankie, tra le altre cose, vendono vibratori appositamente pensati per donne anziane.

Una serie tv da guardare assolutamente! 😉 Vedendo le 6 stagioni noi ci siamo divertite da morire e spesso ci siamo identificate in modo impressionante!

Condividi questo articolo:

Potrebbe anche interessarti …

CAPODANNO IN COPPIA: UN’IDEA PER RENDERE SPECIALE LA SERATA 2020

Capodanno e le feste natalizie si avvicinano: stavolta, per molte di noi, le tradizioni familiari non potranno essere attuate come al solito. E se ci trovassimo a passare per Natale o Capodanno l’ennesima serata in coppia? La nostra proposta per uscire dal torpore di queste giornate e provare in coppia un’esperienza ad alto tasso erotico e sensuale.

Cultura dello stupro e revenge porn: cominciamo a conoscere di cosa si parla

Ci siamo, il 25 novembre è arrivato, che tu stia leggendo questo articolo prima o dopo la data che celebra la giornata per l’eliminazione della violenza sulle donne, poco importa, perché tutto intorno a noi è violenza quotidiana verso le donne e i soggetti più deboli. Tutti i giorni e con varie modalità.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *