Slow sex: la rivoluzione del piacere

Avete mai sentito parlare dello Slow sex? Possiamo tradurlo letteralmente in “sesso lento”.
Lo Slow sex prevede tempi lenti e dilatati, ma c’è anche molto altro.
Si tratta di riappropriarci di un modo di fare sesso che, per diversi motivi che vedremo insieme, ci è stato sottratto, diminuendo la soddisfazione sessuale e, in particolare, il piacere femminile.

Lo slow sex: tempi lenti per dare spazio ai nostri desideri

Il modo in cui facciamo sesso è profondamente influenzato dalla cultura nella quale siamo immerse. Una cultura che a tutti i livelli ha due caratteristiche preponderanti: la produttività e la centralità del sesso maschile.

In che modo questo può influire sul nostro comportamento sessuale e sul nostro piacere?
Essere produttive nella nostra società significa concentrare i nostri sforzi in attività che diano frutti concreti, l’attitudine ad essere efficienti con l’obiettivo di guadagnare un utile, generalmente in termini economici.
Cosa ha a che fare questo con la nostra sessualità?


I tempi rapidi ai quali ci dobbiamo adattare e la frenesia della nostra quotidianità ci hanno portato a relegare la sessualità e il piacere a spazi e tempi molto brevi e sempre meno frequenti. Alti livelli di stress che ci allontanano dall’ascolto dei nostri desideri, che non ci consentono di “staccare la spina” e abbandonarci al piacere.

In secondo luogo la produttività in ambito sessuale è direttamente collegata con la procreazione. Associando i concetti di sesso e produttività, il risultato è quello di una sessualità che ha come centro il coito, ovvero la penetrazione vaginale. Stiamo parlando dunque di una “sessualità fallocentrica”, una concezione potentemente rinforzata dal ruolo dominante del “maschile” nella nostra società, che ha profondamente influenzato il nostro modo di fare sesso. E a pagarne l’onere maggiore è stato il piacere femminile.

Più orgasmi per gli uomini: l’Orgasm gap

È ormai noto infatti che esiste un importante divario tra donne e uomini riguardo la capacità di raggiungere l’orgasmo in un rapporto sessuale: stiamo parlando del cosiddetto orgasm gap.

Uno studio del 2015 pubblicato sull’Archive Sexual Behavior Journal effettuato su una popolazione di oltre 52.500 persone ha infatti rilevato che i maschi eterosessuali che dichiarano di raggiungere l’orgasmo durante un rapporto sessuale sono il 95% contro il 65% delle donne eterosessuali. Lo stesso studio indaga i fattori che aiutano le donne a raggiungere l’orgasmo, nessuno dei quali risulta essere connesso alla penetrazione.

Sempre sulla stessa rivista, qualche anno dopo, è stato pubblicato un articolo che analizza come la “sessualità fallocentrica” ostacoli il piacere femminile e come i sexual script (ovvero i copioni da rispettare nella sessualità per interpretare il proprio ruolo socialmente costruito) allontanino le donne dal raggiungimento dell’orgasmo.

Il racconto di uno spaccato della sessualità umana che sembra essersi allontanato dai reali bisogni delle persone e in particolare delle donne, sulle quali pesano secoli di costruzioni culturali che le allontanano dalla possibilità di avere un’attività sessuale appagante.

Slow sex: la campagna di Bijoux Indiscrets

In questo contesto ci è sembrata particolarmente significativa la campagna lanciata da Bijoux Indiscrets, un’azienda francese fondata da donne che dal 2006 ha orientato la sua ricerca e produzione di articoli erotici alla sessualità e al piacere femminile (nonché al benessere animale, con un catalogo 100% vegan).

Bijoux Indiscrets ha lanciato infatti la nuova linea Slow sex dedicata al piacere “non genitale” e all’esplorazione di tutto il corpo, facilitando con i suoi prodotti la ricerca di nuove zone erogene per aiutarci a costruire la nostra personale “mappa del piacere”, dando una ridefinizione di quelli che abbiamo sempre definito “preliminari”. Questo nome sottintende che siano una pratica di secondo piano, soltanto introduttiva all’atto principale, ma in realtà rappresenta una parte della sessualità importante tanto quanto la penetrazione, se non di più.

Si tratta infatti di pratiche che permettono di esplorarsi, di comunicare, di connettersi con il proprio piacere e con quello del/della partner, di entrare maggiormente in sintonia. Le donne di Bijoux Indiscrets hanno scritto un vero e proprio Manifesto dello Slow sex, del quale riportiamo qui la traduzione di alcune parti:

“Degenitalizzate ogni cosa. Il gomito è importante come il monte di Venere. C’è un posto per tutto, non ci sono regole per i desideri. Chiedi a te stessa perché fai sesso come lo fai; inizia a immaginare quello che realmente ti piace, finché non avrai imparato che il sesso tende a seguire sempre le stesse vecchie frequenze. In realtà può esserci sempre un’esperienza diversa ogni volta, la traduzione dei tuoi desideri, fantasie e bisogni.
Ascolta te stessa e disegna la tua personale mappa del piacere. Dalla punta dei capelli alle dita dei piedi, hai un’infinità di terminazioni nervose da stimolare. Fai scorrere le tue mani su ogni centimetro della tua pelle e assaporane le sensazioni”
.

Una sessualità autentica che prevede la ricerca delle proprie modalità di provare piacere, molteplici strade che si possono percorrere, diverse per ogni persona, con ogni partner, per ogni singolo incontro.
Una sessualità che sottintende e crea una profonda fiducia e intimità, che accresce la comunicazione, la conoscenza e la reciprocità:

“Nessuna finzione, nessuna recitazione, nessun giudizio, nessun confronto, nessuna paura, nessuna colpa e nessuna vergogna. Il nostro piacere non dovrebbe essere governato da nessuno tranne che da noi stessi e inizia con l’amore per se stesse, il rispetto, la conoscenza e l’accettazione di sé”.

Il manifesto termina con l’invito a prendere parte a quella che rappresenta una nuova rivoluzione sessuale.

La linea Slow sex: preziosi strumenti per esplorare il piacere

La linea Slow sex è un originale assortimento di prodotti che aiutano l’esplorazione dei corpi, che aumentano la sensibilità di ogni centimetro della pelle: gel per giocare con i capezzoli e con le dita, oli da massaggio per tutto il corpo, lubrificanti per il sesso orale e per la stimolazione anale, balsami per la clitoride.

Strumenti preziosi per aumentare l’eccitazione e per dedicarsi a nuove pratiche e nuovi piaceri, per rendere ogni incontro sessuale una nuova esperienza, ricca di scoperte e sensazioni inedite.

60000724eabe3 bpfull Slow sex: la rivoluzione del piacere
Giulia
Infermiera, fitopreparatrice, appassionata di erboristeria e mamma. Da anni mi interesso di tematiche femminili e di sessualità, piacere e benessere. Studio sessuologia clinica e mi sto formando come esperta in educazione sessuale.

Related Posts

Comments

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi articoli